Tag

, , ,


Chiusura: ?                                        Prezzo medio: 35 euro

Viale Gino Cervi 14
00139 Roma
0664490481 – 3282890011
www.officinadellacarne.it
Officine della carne su facebook
 

Andiamo ad assaggiare la carne di questo ristorante perché nuovo in zona e consigliatoci da più di un amico.

Il locale è fresco di ristrutturazione e apertura, molto curato nei dettagli, ma forse lo stile risulta già un po’ visto e leggermente freddo. Speriamo che con il tempo si “scaldi” un po’, anche se abbiamo apprezzato la presenza della cantina sotto con molte etichette.

Eravamo in 3 e abbiamo ordinato un antipasto dell’officina a 12 euro che comprendeva una parmigianina molto buona, un tagliere di affettati misti e formaggi con coppa prosciutto e salame tagliati mano, formaggi serviti con miele e confettura di pere e fichi, un flan di pecorino di fossa leggermente troppo sapido ma buono, delle polpettine di melanzana e di scottona, molto buone entrambe e per finire due piccoli hamburger wagyubeef, gentilmente offerti dal titolare, con sale vulcanico delle Hawaii, erano praticamente crudi e si sentiva bene l’olio, forse la cosa più buona assaggiata tra tutto.

La parmigianina

Il tagliere di antipasti

Il flan di pecorino

Mini hamburger wagyubeef

Polpette di melanzane e di scottona

Non ordiniamo le patatine cacio e pepe perché già viste altrove e poiché il nome del locale di certo non suggeriva di buttarsi sui primi ordiniamo tre filetti: due al castelmagno e nocciole e uno in crosta di cinta senese.

Il filetto al Castelmagno era davvero molto buono, perfetto l’accostamento della granella di nocciole che dava croccantezza al piatto.

Filetto al Castelmagno

Il filetto in crosta aveva una cottura perfetta, buono, saporito e morbido all’interno.

Filetto in crosta di cinta senese

La cottura del filetto

Per finire ordiniamo una coppa della nonna zabaione e scaglie di cioccolata e un tiramisù.

Ci piace la presentazione di quest’ultimo in un barattolo da conserva, anche se per i miei gusti era leggermente troppo dolce.

La coppa della nonna

Il tiramisù

Spendiamo in tutto circa 35 euro a testa. Nel complesso dobbiamo riconoscere a questo ristorante un buon rapporto qualità-prezzo, i ragazzi che gestiscono il locale hanno dalla loro gentilezza e passione per il mestiere perciò siamo certi che potranno solo migliorare.

Confessiamo alla fine di esserci un po’ pentiti di non aver potuto provare qualche primo perché quelli che ci passavano davanti sembravano tutti ottimi.

Peccato! Vorrà dire che dovremo tornare!

Annunci