Tag

, , , , , , ,


Di recente apertura questa pescheria in zona Tuscolana-Don Bosco.
L’idea è assolutamente vincente: una pescheria che vende i suoi prodotti ittici che ha ben pensato di allestire due minuscoli tavolini con sgabelli e inserire una piastra e una friggitrice. Non serve altro per cucinare del pesce freschissimo a costi veramente contenuti. I piatti e le stoviglie sono per lo più in plastica, l’acqua è in bottigliette come nelle pizzerie a taglio, il tutto ha un’impostazione volutamente spartana perché qui il protagonista deve essere uno soltanto:il pesce!

20120909-174541.jpg20120909-174925.jpg20121020-184244.jpg

Sempre presenti nel menù dei must come il misto cruditè con spigola con grana e pepe e gamberi rosa/gobetti e il battuto di gamberi con pepe che come tutti gli altri crudi vengono preparati al momento dal piacevole gestore mentre con simpatia e spontaneità ci racconta tutta la sua vita e ci conquista immediatamente, e la frittura di calamari e gamberetti, che esce fumante dalla piccola cucina dietro il bancone.
20120909-174956.jpg
20120909-174652.jpg20120909-174826.jpg20120909-174632.jpgOltre ai piatti soliti a volte è facile trovare piatti del giorno fuori menu, a seconda del pescato e della fantasia di chi è in cucina, scritti in bella mostra sulla lavagna all’esterno: noi abbiamo trovato una fantastica zuppa di crostacei con crostini, una frittura di gamberetti gobetti croccanti e dolci come caramelle che purtroppo non sempre si trova, cozze e fagioli con pecorino, paccheri, polpo e pecorino buoni e saporiti e delle meravigliose bruschette con ragù di pesce, un ottimo modo per non buttare via nulla!!
20120909-174942.jpg20120909-175013.jpg20120909-174800.jpg
Apprezziamo tantissimo i fuori menù che ci assicurano che il pesce è fresco e inoltre è “raccomandato” da Stefano, il titolare, che ci racconta come e quando si reca ad acquistare il pesce alle aste di Anzio, Gaeta e Terracina e con quale amore osserva e sceglie personalmente il pescato, perché, dice lui con semplicità, “un prodotto non buono non lo do ai miei clienti, sennò non ce vengono più!”

E chi può dargli torto! Noi ci abbiamo mandato parenti e amici, a volte ce lo portiamo anche a casa già cucinato o da cucinare! E non ce ne siamo accorti solo noi, anche gli altri clienti lo stanno a sentire divertiti e soddisfatti e alcuni di loro sono già degli habituè, nonostante i soli due tavolini e la recente apertura. In effetti quando sono andati in ferie, anche se meritate, ci è preso un colpo!

Ci sentiamo di fare un grandissimo in bocca al lupo a Stefano al suo staff che con coraggio hanno aperto una pescheria alternativa. Secondo noi faranno molta strada! Bravi!

Ah, dimenticavo di dirvi che non potete non farci un salto! Vi consigliamo magari di fare un aperitivo (non oltre le 21, mi raccomando!) con un bicchiere di vino e una frittura. Tornerete il giorno dopo a pranzo!

Entra quindi di diritto nella nostra personalissima sezione degli “imperdibili” perché prima o poi un salto alla Pescheria dei Consoli bisogna farlo!!

20130418-195021.jpg

20130418-195031.jpg

Annunci